Monday, March 17, 2008

Reciproche indifferenze


Un sorriso e' un ottimo modo per iniziare un' amicizia e sicuramente il migliore per farla finire.

Oscar Wilde

Non credo che M. abbia mai veramente voluto essere nella mia vita ed e' per questo che trovo giusto che vi esca.

Ovviamente non staro' a chiedergli il permesso per poterlo licenziare. Ridicoli, ridicoli diventano gli altri quando smettono di essere di nostro peculiare interesse. Ed e' probabilmente per questo che M. deve uscire di scena a questo punto della storia perche' ha sicuramente smesso di destare quel poco di interesse di cui io lo avevo rivestito. Cosi' con un sorriso che la dice lunga sulla natura frivola del nostro rapporto, M. si smaterializza. Per cancellare M. basta la mia volonta perche' M. non ha mai dimostrato di possederne una propia. Con sincerita' credo di avergli sempre offerto molto di piu' di quello che lui potesse mai dare a me e credo di averlo fatto con generosita'. La sua incapacita' di saper apprezzare lo rende soggetto ha questo giudizio.

Liquidarlo in modo gentile e' il trattamento che gli e' stato riservato. Un sorriso ampio, generoso, un arco che si disegna sul viso, una virgola orizzontale, placida, distesa che mi sottrae a parole superflue per una decisione irrevocabile. Non c'e' da temere fraintendimenti, il sorriso sottolinea incisivamente la mancanza assoluta dell'azione. E' una totale accondiscendenza al menefreghismo.

Addio. Tutto quello che gli devo e' solo un saluto e nulla piu'.

Ora guardo con interesse a stelle nascenti

2 comments:

chit said...

Per la serie "io ti amavo=tempo passato, io t'amo=tempo presente,
tu non mi ami=tempo perso"!

Da quanto leggo non è che quella di M. sia una gran perdita mi sembra quindi in bocca al lupo er il futuro e buon inizio settimana ;-)

Claudio

Artemisia said...

@chit: M. ed io non ci siamo mai amati. La nostra relazione era di natura diversa.
Credo che tu abbia capito bene sul fatto che non fosse una gran perdita...
Buona settimana anche a te Claudio.